web analytics
img

+39 027610310 +39 0270124931

info@oasiortopedia.it
img Via G.A. AMADEO, 24 - 20133 MILAN - ITALY
  • Follow us:
4th Ago

2014

La riabilitazione – Caviglia

PATOLOGIA DEL TENDINE DI ACHILLE

E’ fondamentale iniziare il trattamento riabilitativo fin dai primi sintomi.
L’infiammazione del tendine d’Achille – tendinite – è un evento particolarmente frequente e temuto in ambito sportivo. Qualità dei terreni, uso di scarpe incongrue, riscaldamenti troppo brevi, carichi eccessivi, cattiva coordinazione, difetti di tecnica, possono generare microtraumi ripetuti e sollecitazioni funzionali di intensità elevata. Protratte per tempi particolarmente lunghi, tali da superare la resistenza meccanica del tendine, provocano lesioni infiammatorie e degenerative.
I sintomi possono iniziare gradualmente, ma nei casi più gravi arrivano a condizionare l’attività sportiva fino a renderla impossibile.

La DIAGNOSI si basa sul quadro clinico caratterizzato da dolore, gonfiore, arrossamento della cute, e viene confermata dall’ecografia che chiarisce la sede, il grado e l’estensione della lesione.

TRATTAMENTO – Il trattamento di una tendinite è sempre molto delicato e le possibilità di successo dipendono dalla gravità del quadro patologico e dal tempo di insorgenza della sintomatologia. Nella nostra esperienza, basata sul trattamento di molti atleti anche professionisti, abbiamo imparato che è fondamentale rispettare e temere anche i quadri più lievi di malattia, impostando precocemente un trattamento riabilitativo personalizzato, che in linea di massima prevede:
– riposo attivo: si tratta di ridurre, variare o sospendere l’attività sportiva a seconda della gravità della situazione;
– terapia farmacologica e terapie fisiche;
– terapia con onde d’urto: abbiamo recentemente introdotto con ottimi risultati questa metodica terapeutica;
– terapia manuale: offre un consistente contributo nelle mani di un bravo terapista;
– esercizi di stretching, rinforzo muscolare, rieducazione propriocettiva;
– valutazione baropodometrica con conseguente confezione di plantari correttivi o rialzi bilaterali per scaricare il tendine;
– valutazione del chiropratico per risolvere blocchi articolari del piede, spesso presenti nei quadri cronicizzati.

Share This :