web analytics
img

+39 027610310 +39 0270124931

info@oasiortopedia.it
img Via G.A. AMADEO, 24 - 20133 MILAN - ITALY
  • Follow us:

La bio-ortopedia: verso nuovi orizzonti nella guarigione dei tessuti 

La bio-ortopedia rappresenta un recente metodo di  trattamento delle affezioni dell’apparato locomotore. Il bio-ortopedico sfrutta la possibilità di estrarre cellule dal nostro organismo, concentrarle e talora coltivarle per poi reinserirle nel distretto da curare, nel caso, ad esempio, di lesioni dei tessuti muscolari, tendinei, ossei o cartilaginei.

E’ fantastico pensare che le odierne tecniche di ingegneria tissutale hanno reso possibile la realizzazione di biomateriali su cui seminare le cellule progenitrici mesenchimali o staminali per ricostruire la zona lesionata, rigenerando un tessuto anatomicamente uguale all’originale.

Si aprono nuovi orizzonti nel trattamento dei traumi e probabilmente nella prevenzione e cura dell’invecchiamento articolare. 

Il dr. Alberto Gobbi è stato tra i primi in Italia ad occuparsi di biotecnologie per il trattamento delle lesioni degli sportivi e da diversi anni collabora con importanti centri di ricerca in Europa, Giappone e negli Stati Uniti alla sperimentazione di nuove bioterapie in campo ortopedico.

In particolare alcune frequenti patologie, quali le contusioni muscolari, le  fratture, le lesioni cartilaginee  e, ancora, le  tendiniti croniche e le ferite infette  possono trovare una  rapida soluzione grazie all’impiego delle cellule mesenchimali edei cosiddetti ‘fattori di crescita’, ricavati dal sangue e dal tessuto midollare del paziente stesso .

Il PRP ( plasma ricco di piastrine o ‘platelet-rich plasma’) èun concentrato di piastrine isolate dal sangue del paziente stesso ed attivate da particolari  sostanze; dopo opportuna filtrazione e concentrazione, il preparato viene attivato ed iniettato nella zona da trattare, l’attivazione di questi fattori determina il rilascio alcune sostanze  capaci di stimolare la guarigione del tessuto lesionato dal trauma. 

In molti casi è sufficiente una semplice iniezione per risolvere una tendinite cronica, infatti il PRP costituisce un vero e proprio catalizzatore dei processi di guarigione.

Questa nuova metodica e’ molto utilizzata negli sportivi, ad esempio il Dr. Ramon Cugat medico della nazionale di calcio spagnola è in Europa  il medico che ha maggiore esperienza nell’uso del PRP nei calciatori.

La prevenzione dell’invecchiamento articolare ovvero la possibilità di ritardare l’artrosi rappresenta un altro capitolo attuale:una lesione cartilaginea infatti conduce rapidamente all’artrosi per cui grande interesse suscita la possibilitàdi potere rigenerare un tessuto simil cartilagineo in modo da ritardare l’invecchiamento articolare. Studi preliminari mostrano una positiva risposta anche nel soggetto affetto da artropatie difficilmente trattabili con terapie convenzionali.

A Milano il Dr. Alberto Gobbi, ha recentemente costituito la OASI Bioresearch Foundation, una fondazione di ricerca senza fini di lucro che raccoglie un gruppo di medici, bio-ingegneri e ricercatori di fama internazionale che conducono studi sulle cellule mesenchimali, staminali ed il PRP.

Il Comitato Scientifico èdiretto dal Prof. Lars Peterson di Gothenburg, Svezia, l’inventore dei trapianti di cartilagine ed annovera illustri ricercatori come il Prof. Norimasa Nakamura e la Dr. Elisaveta Kon,  è collegato all’ International Cartilage Research Society societa’ scientifica della quale il Prof. Nakamura è vice presidente ed il Dr. Gobbi segretario generale.

Un nuovo importante capitolo si apre nel trattamento dei traumi da sport che in passato potevano significare la fine della carriera di un atleta, la bio-ortopedia rappresenta anche una nuova speranza nel trattamento dei soggetti colpiti da malattie cronico-degenerative.